Realizzare un logo. Ecco come faccio!

Realizzare un logo è un processo complesso che va oltre al semplice disegno in sé.
Realizzare un logo per un cliente significa soprattutto capire il cliente e realizzare qualcosa che lo descriva completamente, nel modo più semplice, naturale e diretto possibile.
Non sempre realizzare un logo è semplice.
Per quanto mi riguarda sono una persona molto empatica. Non riesco ad esempio a lavorare in modo sereno se non scatta la scintilla tra me e il mio cliente. E questo è un grosso limite, perché non sempre può nascere un amore quando si parla di relazioni lavorative.
Però da un altro punto di vista questo è un pregio, perché più volte sono riuscita a descrivere perfettamente l’identità del mio cliente, rendendolo non solo soddisfatto, ma piacevolmente stupito.

Cosa faccio quando devo realizzare un logo?

  1. Innanzitutto c’è l’incontro con il cliente. Come vi dicevo cerco di entrare subito in empatia e cerco la scintilla. Se questa non sbrilluccica al primo incontro, cerco comunque di capire chi ho di fronte e di cogliere il messaggio che vuole trasmettere. Qual è il suo business? A chi si rivolge?
  2. Butto giù una bozza di logo. Di solito il logo mi compare di notte, mentre mi sto per addormentare o quando mi sveglio. E cerco di buttarlo giù graficamente a mano.
  3. Una volta capito il cliente, il suo target, aver avuto la visione notturna e scarabocchiato il bozzetto, individuo i colori che possono calzargli a pennello e creo una palette che sarà poi quella che guiderà tutta la sua identità, la sua brand identity. Insomma, saranno i colori che lo accompagneranno nella sua comunicazione online e offline. I colori del suo sito, dei suoi volantini, delle immagini sulla pagina Facebook e per tutto quello che servirà al suo business.
  4. Scelgo il font e valuto se modificarlo o meno. Per la scelta del font uso un sito con font gratuiti, (solitamente vado su www.dafont.com) e cerco e cerco fino a quando non trovo quello che mi sconfinfera. Spesso succede che ci siano delle linee che non mi piacciano, ma non c’è problema, perché le vado a modificare.
  5. Creo un’icona grafica che riassuma il logo del cliente, in modo che sia utilizzabile anche sui social. Questa è una “forma ridotta” del logo, ma anche quello che lo identifica. In pratica è il logo vero e proprio, ma che non avrebbe un senso, a mio parere, senza il testo e i colori giusti.
  6. Faccio le prove di colore, cambio un paio di cose, sistemo e risistemo e lascio riposare qualche giorno. Nella mia testa però continua a muoversi, a girare e rigirare e cerco di capire se funziona oppure no. Se dopo un paio di giorni funziona ok, lo propongo al cliente. Se non funziona mi rimetto al lavoro!

Per quello che posso dirvi tutti i punti per me sono importanti che fanno parte del mio processo creativo. Per fare un logo a volte ci metto molto tempo, altre volte, soprattutto quando scatta quella scintilla che vi dicevo, realizzare un logo è un gioco da ragazzi, perché lo visualizzo già mentre parlo con il cliente.

Questo è un po’ quello che faccio per realizzare un logo.

Potete vedere alcuni dei miei lavori della sezione portfolio del sito!

Se avete curiosità o suggerimenti per realizzare un logo scrivetemi nei commenti!
A presto!

Ti è piaciuto il post? Condividilo con i tuoi amici!

Conosci Elena Manzini?

Giornalista in prova, antropologa di spirito, amante dei social media.

Scrivi un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.